The silence echoes in one of the many temples scattered throughout the city. People walk in the few empty spaces and stops to pay homage to their God, a tiny daily parenthesis to be experienced in deep meditation and to escape from the daily routine in the chaotic Bangkok. I find myself sitting in a corner, finding peace in the coolness of a temple and in the silence of meditation, observing dozen of devotee that approach the entrance, equipped with small golden colored stickers to place on Buddha’s statue in sign of respect and to embellish it. It looks as I entered a magic box, because, once out, Bangkok takes over and absorbs each individual by dictating its very own lifestyle, made of small alleys and overly crowded outdoor markets, tuk-tuk popping up from every corner and street food to taste on the road. With time, the way I travel has changed and I try to avoid crowds of tourists that roam the streets of this city, people coming from all over the world traveling to Thailand for various reasons: Art, Culture, tropical beaches, Sex. In the social media era, notwithstanding the differences and different paths each one undertakes, keeping in contact with friends around the world is easier. There is an increasing awareness that the world is shrinking, facilitating the chance to meet occasionally almost as if we were living in a small suburb. And so it happened I met Arianna, friend of many adventures and hang outs in Bologna, when we were both students at the University. Pure chance made our paths cross again here in Bangkok. A simple post shared on Facebook turned into an awesome surprise, allowed us to spend a fun evening together, feel the joy of reuniting after many years and being able to reminisce that time in our lives which has passed. Regardless the wild tourism, Bangkok offers its authenticity and its traditions even though they are often modified to suit the tourism industry. 
Here where the average salary is about 9000 BHT, a bit less than 300 Euro a month, everyone finds his own ways to round up, so, if you are not careful, it is easy to be tricked into paying a taxi driver up to 10 times the real cost of a cab ride. On the other hand, kindness and hospitality are not to be desired here, local people are there to assist and provide all information to better enjoy the city. By simply jumping on a tuk-tuk taxi you are on your way to the most popular streets of Bangkok, you will be catapulted up and down the city, running across temples and crowded markets.
 

I gaze back at strangers crossing my path, observe smiles, expressions of a daily simplicity, typical of asian countries,  try to take meaningful shots that will tell a story using moments frozen in time.

 

The 3 days spent in the capital went by fast, alternated to days spent visiting the outskirts of the city, Ayutthaya and the characteristic floating market, where waterways turn into real business avenues and you float away in small boats alongside small floating stores. I gaze back at strangers crossing my path, observe smiles, expressions of a daily simplicity, typical of asian countries, I try to take meaningful shots that will tell a story using moments frozen in time; and that is photography’s charm, to be able to capture sensations in one frame, telling a story through faces and people’s eyes.  We leave Bangkok heading to Phuket, aware of leaving a city reach in history and a strong authentic sparkle to find the real inferno of mass wild tourism, which of course is less appealing. Kata Beach, Phi Phi Islands and Phang Nga at a fast pace, they are heavens with a big scenery, natural oasis with vivid colors and endless sky. Places that are best to  be experienced in perfect solitude but are instead invaded by tourists that take the peace and man-nature harmony away.  Before leaving Puket, a second surprise awaits us. I meet Pep, my Spanish housemate I used to live with in London for a year, I totally look up to him for his courage to leave it all behind and travel the world. He has long hair and that long beard most of wise men with a lot to tell have. Here we are drinking a couple of beers, in this corner of the world, where past and present meet again before severing one more time. He tells me about his journey, two years traveling around the world; he left Barcelona, travelled through the north side of the world he reached Turkey, the middle east, he then travelled to Mongolia, Nepal and finally got to India. Living day by day with the strict necessary, backpack on, experiencing risks and a feeling of extreme freedom, listening to strangers’ tales, living unique emotions, getting lost amongst different cultures and feeling alive each step of the way. Owning your fate and deciding day by day the path to go down to. We bid farewell with affection, wishing we could meet somewhere in the world again, to be able to share more stories together. Last destination in our trip is Kao Lak, a less touristic place than Phuket, where the Similan Island are at an easy reach, archipelago of small islands lost in the blue of the Indian ocean. Multi colored fish and tons of coral fill up the sea, I snorkel in this sea and I am almost able to escape the chaos on the surface, finding shelter in the piece and quiet of the deep blue. At the harbor some fishermen get their nets set for the next day, while other people relax on the benches staring at the sun turning orange before disappearing behind the Ocean. Another day comes to an end while I head back home.


Il silenzio echeggia in uno dei tanti templi sparsi per la città; la gente si avvicenda negli spazi lasciati vuoti e si ferma per rendere omaggio al loro Dio, una parentesi quotidiana da vivere in profonda meditazione e sfuggire al tram tram caotico di Bangkok. Mi ritrovo seduto in un angolino, trovando pace nella frescura del tempio e nel silenzio della meditazione, osservando le decine di devoti che si apprestano ad entrare, muniti di piccoli adesivi dorati da attaccare sulla statua di Budda in segno di decoro e rispetto. Sembra come entrare in una scatola magica, perché una volta fuori, Bangkok ti rapisce e ti assorbe nel suo stile, fatto di stradine e mercati affollatissimi, tuk tuk che sbucano da ogni angolo e street food da gustare on the road. Nel tempo il mio modo di viaggiare è cambiato e quasi soffro i milioni di turisti che affollano questa città, gente proveniente da tutto il mondo che si ritrova in Thailandia per i motivi più svariati: Arte, Cultura, Spiagge tropicali, Sesso. E nell’era dei social media, dove nonostante le distanze e i destini diversi intrapresi da ognuno di noi, i contatti tra gli amici sparsi nel mondo sono sempre frequenti, aumentando quella consapevolezza che il mondo diventa sempre piu piccolo, facilitando gli incontri casuali quasi come fossimo in un paese di provincia.  Ed è proprio così che incontro Arianna, amica di tante avventure nelle notti bolognesi ai tempi dell’università, ed ora per puro caso, ritrovata a Bangkok. Un semplice post su facebook si è trasformato in una fantastica sorpresa, regalandoci una bella serata e la piacevole emozione di incontrarsi dopo molto anni e rivivere ricordi e storie di un pezzo di vita ormai passato. Nonostante il turismo selvaggio, Bangkok conserva la sua autenticità e le sue tradizioni seppur rivisitate in chiave business. In un luogo dove uno stipendio medio si aggira sui 9000 BHT, poco meno di 300 Euro al mese, ognuno cerca di arrotondare come può e cosi, se non si è attenti, capita che i taxi driver sono pronti a chiederti 10 volte tanto per il costo di una semplice corsa. In compenso, non mancano gentilezza e accoglienza, con i locals pronti ad aiutarti e a fornirti tutte le informazioni necessarie per goderti al meglio la città. Saltando semplicemente  su un tuk tuk che sfreccia sulle strade calde di Bangkok, vieni catapultato su e giu per la città, tra templi dal forte impatto emotivo e mercatini affollatissimi. 

Mi soffermo sugli sguardi che incrociano il mio cammino, osservo sorrisi ed espressioni di una quotidianità semplice tipica dei paesi asiatici, cercando di raccogliere degli scatti significativi in grado di raccontare una storia direttamente con degli attimi strappati al tempo

I 3 giorni nella capitale passano veloci, alternati tra le escursioni a Ayutthaya e al caratteristico Floating market, dove i canali si trasformano in vere e proprie strade del commercio e si scivola via all’interno di piccole imbarcazioni che costeggiano le infinite bancarelle galleggianti. Mi soffermo sugli sguardi che incrociano il mio cammino, osservo sorrisi ed espressioni di una quotidianità semplice tipica dei paesi asiatici, cercando di raccogliere degli scatti significativi in grado di raccontare una storia direttamente con degli attimi strappati al tempo; ed è proprio questo il fascino della fotografia, racchiudere tutte le sensazioni in un unico frame, raccontando una storia semplicemente attraverso i volti e gli sguardi della gente. Lasciamo Bangkok in direzione Phuket, consci del fatto che ci lasciamo dietro una città ricca di storia e dal forte tocco autentico, per spostarci nel vero e proprio inferno delle masse, fatto di turismo selvaggio e per questo probabilmente meno affascinante. Kata Beach, Phi Phi Islands and Phang Nga bay in rapida successione, paradisi dal forte impatto visivo, oasi naturali dai colori vivi e dal cielo infinito. Luoghi da vivere in perfetta solitudine ma che invece sono presi da assalto e  che tolgono quel senso di pace e armonia tra uomo e natura. Prima di lasciare Phuket, c’è tempo per la seconda sorpresa, ancora piu inaspettata. Ritrovo Pep, ex coinquilino spagnolo con il quale ho vissuto a Londra per un anno, diventato il mio idolo per il coraggio di aver abbandonato tutto e essersi messo in viaggio per il mondo. Capelli lunghi, barba tipica di chi ha tanto da raccontare, ci ritroviamo davanti ad un paio di birre, in questo angolo di mondo, dove passato e presente si incontrano prima di separarsi nuovamente. Mi racconta del suo viaggio, due anni in giro per il mondo, partito da Barcellona, passando per i paesi del nord e giu fino in Turchia, Medio Oriente, raggiungendo la Mongolia, Nepal e arrivando fino in India. Vivere con il minimo indispensabile, zaino in spalla, tra rischi e libertà estrema, raccogliendo i racconti della gente, vivendo esperienze uniche, perdersi tra le diverse culture e sentirsi vivo ad ogni passo. Essere padrone del proprio destino e decidere giorno per giorno la strada da percorrere. Ci salutiamo con affetto, dandoci appuntamento in qualche altra parte del mondo, in attesa di nuovi storie da raccontare. L’ultima tappa del tour thailandese è Kao Lak, luogo forse meno turistico di Phuket, punto di partenza per il paradiso delle Similan Islands, arcipelago di isolette che si perdono nel blu dell’oceano Indiano. Pesci dai mille colori e milioni di coralli riempiono il mare e immergendomi riesco per un attimo sfuggire al caos della superficie, trovando rifugio nel silenzio tipico del profondo blu. Nel porto alcuni pescatori preparano le reti per il giorno seguente, mentre altri si rilassano sulle panchine con lo sguardo rivolto verso il sole che si colora di arancio prima di perdersi nell’Oceano. Un altro giorno finisce mentre io mi incammino sulla strada del ritorno.