Streams of sunlight fill up the ills with the light of the dawn while the city slowly awakens, suffocated from the daily chaos, which constitutes its own very essence. Buses, taxis, cars and animals of any kind crowd the muggy streets of Delhi, where chaos lies at the very core of precise guidelines dominating the daily routine; to many people this is an unperceivable balance, which is also subtle and sometimes blunt and absolutely functional in every day life in this part of the world. I reach the hostel located in the south part of the capital, in the Hauz Khas neighborhood, after chatting with other travelers hanging out in the living room sipping on a hot cup of “Americano”I start my Indian journey, I let myself slip into the hectic life pace of this city trying to hold on to any relief from this intense chaos happening in front of me. I look around and I clearly perceive that feeling of being one of the few foreigners, which attracts people’s attention, many try to offer me guidance, sometimes of a spiritual kind, just as a pretext to take me around the city in exchange for a few rupees. Traveling alone requires a lot of cautiousness and the ability to sense and evaluate potential risks in order to act appropriately; sometimes, on the other hand, it is important to open up to the world take the chance to say yes to a person inviting us to join and accept the potentials risks of a wrong choice. So on a riscio’ I go to cross the threshold of the old city, made of little tiny alleys with few roaming souls, ever open shutters and caws who don’t seem to be bothered by the pungent smell being brought around by the hot and humid wind of july. As I proceed I get the feeling of getting lost in the circles of Dante’s inferno amongst the souls sitting at the hedges of the street and scenes of a tough and tormented daily life. As Caronte proceeds slowly, avoiding any wandering object that might get on our way the horizon opens up to reveal the indian slum, the heart of the inferno.

 As I proceed I get the feeling of getting lost in the circles of Dante’s inferno amongst the souls sitting at the hedges of the street and scenes of a tough and tormented daily life.

All of a sudden everything stops, it’s like running on a slow motion paced by the sound of the piano in Gary Jule’s “Mad world”; I advance by walk from this point and into an old building where the smell gets more intense and the light of the day disappears at my back. I follow my Caronte through the darkness of the stairs, I try to hold back the rattling thoughts in my mind, until I see a semi-closed door in front of me, I glimpse sun light getting through but it’s only when the warm wind drifts on my face that I realize I am on the roof; I had never experienced such view, the slum is below my feet while I observe undisturbed the happening of yet another regular day in the heart of the old city. There is who naps in the shadow of a bed sheet put to dry, who washes dishes in the street and those that rely on some God who is so far away from here. A very touching scenery from an emotional standpoint that calls for a reflection on the difference of the world we live in. I get back on board of the Riscio, taking pictures here and there of the signs time left on the faces of people whose path happen to cross mine; street food is everywhere but I try not to indulge in the food that is offered to me; I keep drinking water to keep myself hydrated to contrast liquid loss due to sweat and the humidity. I watch out for open seals of the bottles of water I buy to avoid complications. The afternoon gets the color of a bright orange shade, I am running on 0 hours of sleep and the extreme heat gets me even more exhausted so back I go to the friendly living room at my hostel where travellers hangout at all time; I chat a bit with some Irish guys who have been traveling for a month throughout the subcontinent before I retreat to my room where I fall asleep immediately, once I am up off I go to Agra, heading to the Taj Mahal. Three hours car drive and the traffic gets worse as we reach the center of the city where, from the main street, you get to see the tiny alleys on both sides. The crowd fill up the streets and its multi colored spice market. A timeless simplicity that seems to be the life source of this submerged world while I stand at the traffic light glancing at a signal giving direction to the lavish monument and world heritage site. As I get there my expectations are fully met. Deepu takes me inside the secret places at this huge architectural masterpiece, perfectly symmetrical from each point of view. The Taj Mahal, built in fine marble and precious stones from Afghanistan, turkey and Yemen is the religious place for Muslims but it also represents an iconic place to millions of Hindus that every day visit this land. A symbol of union and respect for different religions and cultures. Thousands of people are posing taking pictures while humidity reaches the 70% which typically means the monsoon season is soon approaching central India. In the afternoon I reach the fortress where peace and silence defeat the noise of the city; My senses indulge in a complete relaxation here wrapped from the beauty of the gardens while the sun slowly gets to the end of its daily cycle.

After a few steps I get amazed once again by the beauty of simple daily life, which is the essence of these places; an open book and a chant, a long white bearded man is all busy reading in deep concentration

I stop to eat my tandoori chicken at dinner, a real “must try” here, it comes with white rice and butter parata; an ice cold tiger beer goes perfectly with it and it helps getting back my strengths before I head back to the hostel where I’ll get ready for the next day. The Golden Triangle extending from Delhi, Agra and Jaipur, is located at the same distance from all the cities; so after 3 hours car drive and with one stop at the border of the two states, Uttar Pradesh and Rajasthan, I get to the chaotic capital of the state, Jaipur, another main center with a strong historical impact, known also as the Saint Petersburg of India. It will give you beautiful views of the local daily life and plenty of interesting places to visit; a walk along the bazaar and chatting with the merchants who will greet me in perfect Italian once they found out my origins. Most of them have done business in Italy. Reflex at hand I roam around the alleys of the market finally ending up in Hawa mahal, commonly known as the wind palace; an artistic masterpiece from 1800 overlooking the chaotic main avenue of the city. India is an incredible place, rich in history, tradition, with rituals, which have been handed down from generation to generation. That being said it’s not for everyone to visit India. It takes ability to adapt and adventurous spirit, almost to the limit of the acceptable until you get on your way to an introspective journey to discover your true self. I keep traveling until the sky turns dark and I spend my evening at the amazing heritage village in the outskirts of Jaipur.  It features dancers and fire eaters as per the local tradition; I get the real photographic experience of the india I was longing for, I even found the time to see a psychic for a hand reading, for a few rupee he’ll give you heads up on what awaits you in the future. My last destination of this great tour happens on the next day; we survived the awful traffic and got to a small hill in the outskirts of Jaipur where I walked toward a quiet place. A friendly group of monkeys inhabits this place, it’s the monkey temple; this temple is the place of meditation from which you may get a view of the vast territory of Jaipur while quietly sitting with the locals… the monkeys of course. They will chase you hoping to get some food. The morning is hot and humid and an elderly couple was looking to find solace in the shade of a tree; they smile at me while I carry one walking on the street. After a few steps I get amazed once again by the beauty of simple daily life, which is the essence of these places; an open book and a chant, a long white bearded man is all busy reading in deep concentration. I get invited to get inside a small room and cross eyes with two more Brahmins, a religious authority in Hindu religion, they invite me to sit down and take part to this moment without interrupting the ritual. I sit still a bit, staring at their features and at the painting of Gods that fill up the room. I take the chance to take some shots without interrupting this cosmic balance, which you can sense in the air. These images remain carved in my mind, this moment has been, so far, one of the most interesting moments in my life. After 3 hours car drive I got back to Delhi before reaching the end of this journey within the journey, an adventure where I experienced Indian culture at its fullest and where I strongly felt I had visited only a small portion of the continent which got me wanting to be back and explore more to see this daily routine which is so far from the modern era.


Le prime luci dell’alba avanzano oltre le colline in lontananza mentre la città si risveglia lentamente, soffocata nel trambusto quotidiano della sua essenza. Bus, taxi, auto e animali di ogni genere affollano le strade calde di Delhi, dove il caos e l’assenza di regole di guida precise dominano la scena giornaliera; un equilibrio impercettibile ai tanti, sottile e talvolta azzardato, ma assolutamente necessario nella vita di tutti i giorni da questa prospettiva del mondo. Raggiungo l’ostello situato nella parte sud della Capitale, nel quartiere Hauz Khas, e dopo aver scambiato due chiacchiere con gli altri backpackers che oziavano per la living room con un “Americano” caldo tra le mani, inizio ufficialmente il mio tour indiano, lasciandomi avvolgere sin da subito dai ritmi sfrenati della città cercando qualsiasi appiglio nell’intenso tram tram che si presenta di fronte. Guardandomi intorno, avverto la netta sensazione di essere uno dei pochi viaggiatori in giro e ciò richiama l’attenzione dei molti, i quali si offrono come guida quasi spirituale per scarrozzarmi per la città in cambio di poche rupie. Viaggiare in solitaria richiede molta prudenza e check point mentali in grado di valutare possibili rischi per intraprendere le azioni piu appropriate; talvolta, dall’altro lato, è importante anche aprirsi al mondo, accettare un invito e dimenticare eventuali rischi che potrebbero derivare da una probabile azione sbagliata. Cosicché, a bordo di un risciò mi appresto a varcare le porte della città vecchia, fatta di stradine popolate da anime vaganti, saracinesche sempre aperte e mucche noncuranti dell’odore acre e pesante che si libera nel vento caldo e umido di luglio. E man mano che si avanza, si ha la sensazione di perdersi nei gironi dell’inferno dantesco, tra le anime assiepate ai bordi della strada e scene di una quotidianità dura e tormentata. E mentre Caronte procede lento, evitando ogni forma di oggetto vagante che possa intralciare il nostro navigare, l’orizzonte si apre su una vera e propria favelas indiana, il cuore dell’inferno.

Man mano che si avanza, si ha la sensazione di perdersi nei gironi dell’inferno dantesco, tra le anime assiepate ai bordi della strada e scene di una quotidianità dura e tormentata

All’improvviso tutto sembra fermarsi, procedere al rallentatore, scandito dai rintocchi del pianoforte di Mad World di Gary Jules; continuo a piedi all’interno di un vecchio palazzo dove l’odore diventa sempre più forte e intenso e la luce del giorno scompare alle mie spalle. Seguo Caronte nel buio delle scale, cercando di non pensare ad eventuali rischi, fin quando ci ritroviamo di fronte ad una porta semiaperta; intravedo la luce del sole e il caldo vento riaffiora la mia faccia e capisco di essere sul tetto; Non mi ero mai trovato di fronte ad uno scenario simile, la favelas sotto ai miei piedi mentre osservo indisturbato lo svolgersi di una comune giornata nel cuore della città vecchia. C’è chi sonnecchia all’ombra di un grande lenzuolo, chi lava dei piatti per strada e chi si affida a qualche Dio lontano da qui. Uno scenario molto toccante dal punto di vista emotivo che fa riflettere sulla diversità del mondo in cui viviamo. Ritorno a bordo del risciò, fotografando qua e la i segni del tempo lasciato sui volti che incrociano il mio destino; lo street food è onnipresente ma bado bene a declinare ogni invito ad assaggiare tutto ciò che mi viene offerto; Continuo a dissetarmi e a recuperare i liquidi persi per la troppa umidità, controllando attentamente i tappi delle bottiglie acquistate per evitare eventuali complicazioni. Il pomeriggio si colora di arancione e con zero ore di sonno alle spalle e fortemente provato dalla calura dell’estate indiana, ritorno all’amichevole living room affollata dagli altri viaggiatori dell’ostello; faccio due chiacchiere con dei ragazzi irlandesi in viaggio da un mese per tutto il subcontinente, prima di salutare e abbandonarmi in un sonno liberatorio al cui risveglio sarò nuovamente sulla strada, in direzione di Agra, verso il Taj Mahal. Tre ore di macchina e il traffico che diventa sempre più intenso man mano che si raggiunge il cuore della città, dove dall’arteria principale, si intravedono le stradine laterali che si perdono tra la folla e il consueto mercato delle spezie dai mille colori. Una semplicità senza tempo che mi affascina e che sembra essere la linea conduttrice di questo mondo sommerso mentre in fila al semaforo scorgo l’indicazione per il sontuoso monumento, patrimonio dell’umanità. E una volta giunto, le mie aspettative non vengono deluse. Deepu mi accompagna dentro i segreti di questo immensa opera architettonica, perfettamente simmetrica da qualsiasi punto la si osservi. Il Taj Mahal, costruito con marmi pregiati e con pietre preziose provenienti dall’Afghanistan, dalla Turchia, dallo Yemen, è un luogo di culto non solo per i musulmani, ma rappresenta un’icona e un centro di riferimento anche per le migliaia di induisti che ogni giorno visitano questa terra. Un simbolo di unione e di rispetto tra le diverse religioni e culture. Migliaia di persone posano per una foto, mentre l’umidità raggiunge livelli del 70% preannunciando l’imminente inizio della stagione dei monsoni nella regione centrale dell’India.  Nel pomeriggio raggiungo il fortino della città, dove pace e silenzio sovrastano il rumore proveniente dalla giungla cittadina; rilasso i sensi nella splendida cornice dei giardini mentre il sole lentamente si appresta a concludere un’altra volta il suo turno giornaliero.

Pochi passi e vengo rapito per l’ennesima volta dalla semplicità quotidiana che regna da queste parti; Un libro aperto, un canto di misericordia e un uomo dalla lunga barba bianca impegnato a leggere con profonda concentrazione

Mi fermo a consumare una cena a base di pollo tandouri, un must da queste parti, riso in bianco e parata al burro, il tutto accompagnato da una pinta di Tiger ghiacciata che allevia i miei sensi prima di dirigermi verso l’ostello e prepararmi per il giorno seguente. Il Golden Triangle che si estende tra Delhi, Agra e Jaipur, prevede la stessa distanza tra tutte le città; Così, dopo altre tre ore di macchina e con una sola sosta al confine tra i due Stati, l’Uttar Pradesh e il Rajasthan, mi appresto a raggiungere la caotica capitale dello Stato. Jaipur, un altro centro dal forte impatto storico, soprannominata la San Pietroburgo dell’India, regala scorci di vita bellissimi oltre ai numerosi luoghi da visitare; una passeggiata tra i bazar e due chiacchiere con i commercianti che non appena scoprono le mie origini esibiscono un italiano quasi perfetto per via dei numerosi traffici commerciali con l’Italia. Reflex alla mano, mi aggiro per lo street market mentre mi dirigo verso l’Hawa Mahal, comunemente noto come palazzo dei venti; un’opera artistica del 1800 che si affaccia sulla caotica arteria principale della città. L’india è un posto incredibile, ricco di storia, tradizioni e rituali tramandati da secoli; è un lungo dove abbandonarsi e farsi avvolgere da ciò che ti circonda, lasciando ampio sfogo alla mente e al corpo per liberarsi dai cattivi pensieri. Detto ciò, non è un posto per tutti, richiede molto adattamento e uno spirito di avventura quasi ai limiti dell’accettazione prima di intraprendere la strada della scoperta interiore. I miei passi sembrano non fermarsi mentre la sera si colora di blu e la trascorro nello stupendo Heritage Village alle porte di Jaipur, tra ballerine e mangiafuoco, nel rispetto delle tradizioni locali; soddisfo la mia voglia fotografica di India e trovo il tempo di farmi leggere anche la mano da un indovino che per poche rupie ti regala qualche dritta sul futuro. L’ultima tappa di questo magnifico tour è prevista per il giorno seguente; una volta sopravvissuti al traffico infernale e giunti ai piedi di una collinetta nei sobborghi di Jaipur, mi incammino verso un luogo avvolto dal silenzio e popolato da decine di amichevoli scimmie; il Monkey temple, un luogo di meditazione dal quale si puo osservare l’immensità di Jaipur standosene in assoluta tranquillità con i locals, le scimmie appunto,  che ti rincorrono in cerca di qualcosa da mangiare. La mattinata è calda e umida e una coppia di anziani trova riparo all’ombra di un albero; mi sorridono e proseguo per la piccola stradina, inseguendo un suono che sembra provenire dalle casette arroccate in alto; pochi passi e vengo rapito per l’ennesima volta dalla semplicità quotidiana che regna da queste parti; Un libro aperto, un canto di misericordia e un uomo dalla lunga barba bianca impegnato a leggere con profonda concentrazione; entro nella stanza e incrocio lo sguardo di altri due bramini, i sacerdoti del popolo nella religione induista, i quali mi invitano a sedere e a prendere parte di questo momento senza interrompere il loro rituale. Resto seduto per un po’, osservando i lineamenti dei lori visi e i quadri delle tante divinità induiste che riempiono la stanza. Ne approfitto per alcuni scatti significativi prima di uscire di scena senza interrompere questo equilibrio cosmico che regna nell’aria, mentre rimangono indelebili le immagini di uno dei momenti più interessanti a cui abbia mai preso parte. Altre tre ore di macchina separano il mio ritorno a Delhi prima di giungere al termine di questo viaggio nel viaggio, un’avventura vissuta nel pieno della cultura indiana in cui emerge la consapevolezza di aver visitato solo una piccolissima porzione del subcontinente e che senza ombra di dubbio, mi rivedrà ritornare per esplorare nuovi luoghi e rivivere questa quotidianità lontana dal tempo.