Yet another trip in the Middle East. This time, Jordan, in a region constantly under attack, stuck in the eternal conflict between Palestine and Israel on one side and the Syrian war on the other, this land nestled like a piece of a puzzle in a geographic area characterized by a very unstable balance. It appears almost as an oasis in the dry desert of politic economic interests masked under religious pretexts. My stay has been short and I travelled with Katia this time. This land, Jordan, revealed to be extremely welcoming during our trip, it was like reliving the past, exploring stunning places, reach in history and charm. The sun welcomed us on a chilly day at the end of February, despite the approaching spring; nothing more deceiving, considering the substantial difference in temperature through the country, and soon we would have realized even more as we got closer to Petra, the ancient city located amongst the rocks. We hit the road on board of a sedan we rented at the Amman international airport and we drive through the deserted highway heading south. As we drive the landscape changes into lavish greenery painted in yellow and green colors amongst the endless middle eastern hills. We walk past several villages where people spend their day in small souqs and mosques, natives are all busy chatting holding a cup of black tea while goats roam around the edges of the streets in liberty. The middle east at its best, as the sun gets covered by the clouds while we reach higher altitudes amongst the hills, where the air is fresher and the color of the sky turns all shades of grey.

 As we drive the landscape changes into lavish greenery painted in yellow and green colors amongst the endless middle eastern hills 

 Three hours car trip and finally we get to the ancient city, Petra. The desire to travel thousands years back in history to experience the charm of that era is what drives us at the very entering gate of this world heritage place on an early afternoon and after crossing “tourism street”. Jordan pass at hand, a must purchase ticket to a lot of museums and places of interest in Jordan. The Jordan pass also covers the cost of the visa (for nationalities getting visa upon arrival) and it can be purchased on https://www.jordanpass.jo/. As soon as we get off the flight and into the airport the transition from the modern to the ancient world is immediate and without realizing we are walking on a street the romans built 2000 years ago, a street that was preserved in perfect conditions. This city is what once was the Nabateans’ capital, Petra raises at the crossing of two main commercial avenues: one connecting the red sea to Damascus and the other connecting the Persian gulf to Gaza on the Mediterranean shores. Considering the lack of rain in this region what makes Petra special is the nabateans’ clever way of creating its irrigation system, ensuring that the inhabitants could get a continuous flow of drinking water. The complex system made of water channels, which can be very well seen is what made it possible for the population to grow crops and produce olive oil. Without the implementation of the above systems to channel and purify water, Petra would have not existed. Two days are enough to thoroughly visit the city, considering the territory is vast. Trekking paths are plenty and that calls for some planning. Once we reached the iconic monument of the treasury, the street turns right and proceeds along the main path towards the amphitheater to flow into the steps leading to the ancient tombs. The sight is great from the top, a huge city carved into the rock, showcasing monuments and colorful rocks.The sun turns orange and we get walking on a very steep set of steps taking us up on the hill gasping our way to the Al- Deir, the monumental monastery where we get to enjoy the sunset on the top of the hill. The wind blows strongly as the temperature gets lower quickly in few minutes. We rush to go back towards the entrance in complete loneliness, which made our journey back all the more stunning surrounded by the quietness of eternity. The lights at “Petra by Night” seal the end of our 2 fantastic days, to say the least; several lit candles along the path to the Treasury. This walk allows for a breathtaking view of this ancient place. The sky was full of stars while we walk to reach the earth of the ancient city. Once the walk ended our journey into the past is over, we are back in the present. We stopped at Toursim street to dine. A couple of family run restaurants are located on this street, they offer traditional dishes with a distinct, intense flavor which is so typical of the Arabic culture.

 Endless space and rocky mountains unfolds before us and give this place that spectacular charm, it is not just the usual desert landscape. Clouds of sand rise from the ground carried by the wind making it difficult to see our surroundings

The next day we get ready for a change of scene. Ibrahim, our guide, welcomes us on board of pick up truck, ideal for off road adventures in the south of Jordan in the stunning landscape of the Wadi Rum. At an hour from Petra, we still get a feeling of the middle eastern daily routine, before we leave the paved road at our backs and head into the heart desert. Endless space and rocky mountains unfolds before us and give this place that spectacular charm, it is not just the usual desert landscape. Clouds of sand rise from the ground carried by the wind making it difficult to see our surroundings. Wild camels roam this vast area, in search of something to eat. We get deep into the most remote areas of the desert before we start searching for a camping spot for the night. Three people with camels get close to us, no common language, just hand gestures and occasional smiles allow us to interact with each other; we understand they live in the desert, nomads moving here and there with their belongings, camels, goats and the spirit of survival; they are the guardians of this corner of the world and they seem to be very friendly; from their smile I understand that it was nice to meet in their “home”. The sun leaves and the stars are up in the sky, we decide to stop in a shielded spot to camp overnight; in our tent in the middle of nothing, surrounded by the mountain protecting us from the wind and the fast dropping temperature. We spend the evening chatting with Ibrahim and we taste a delicious chicken stew and rice, sipping on warm tea and with the fire warming our souls. Curiosity leads our conversation a cultural exchange and the opportunity we get to learn and value the differences amongst people coming from totally different backgrounds and traditions. The fire keeps burning under the stars and the silence is sublime. We zip our tent closed and.. goodnight. 

At the break of dawn we wake up, hummus and fresh cheese for breakfast to get the energy to continue our journey. Off we go back to the paved road, heading north, in the lowest area in the planet: the Dead Sea. From Petra we keep going towards Little Petra and head towards Wadi Araba; the tiny road takes us to the boarder with Israel and it’s a breathtaking scenic view of the rocks and the steep up and down the hills. The temperature quickly rises in less than 3 hours going from zero to + 24 C in the Dead Sea area. A long blue line appears at the horizon with the hedges noticeably whitened by the salt on the shores, to show that the sea is indeed shrinking. As a matter of fact no living organism can survive in this water. Before bathing in the Dead Sea it is not advised to shave and you are discouraged from bathing if you have any scratch on your body; the impact with the super salty water might cause a burning sensation. With the due caution, being able to bathe in the dead sea is a fantastic experience; floating on the water with no effort stay on the surface with your legs crossed, no risk to drawn and fall into the blue. The mud that can be found in this area is extremely beneficial to the skin and the benefits are noticeable in few minutes. Smooth skin, almost younger. Our adventure comes to an end, after an hour car drive from the Dead Sea the next day we are at the Amman international airport again. We return the car to the rental store and our journey comes to an end with a full smile and happiness as we cross another country off our bucket list of places to visit.

 

 


Ancora una volta, Medio Oriente; Questa volta, Giordania. In una regione continuamente sotto attacco, tra l’eterno conflitto tra Israele e Palestina da un lato, e la guerra in Siria dall’altro, questo territorio incastonato come un puzzle in un disegno geografico poco equilibrato, appare quasi come un’oasi nell’arido deserto degli interessi politici/economici e pretesti religiosi. Questa terra, la Giordania, si è rivelata super accogliente e nella mia permanenza, se pur breve, questa volta in compagnia di Katia, è stato come vivere nel passato, esplorare luoghi meravigliosi, ricchi di storia e dal fascino millenario. Il sole ci accoglie in una fresca giornata di fine febbraio, quando sembra ormai quasi tutto pronto per l’inizio della primavera; niente di più fuorviante, visto la diversità di clima presente nelle diverse parti del paese, e da li a poco ce ne saremmo accorti una volta giunti in prossimità di Petra, la città tra le rocce. Ci mettiamo in marcia a bordo di una sedan noleggiata direttamente all’aeroporto internazionale di Amman, percorrendo la desert highway in direzione sud; la strada scivola via, mentre il paesaggio si colora di verde e giallo tra le sconfinate colline del Medio Oriente. Attraversiamo diversi villaggi, dove la quotidianità si vive tra i piccoli souq e le moschee, locals impegnati a chiacchierare con un tazza di black tea tra le mani, mentre gruppi di capre circolano libere sul ciglio della strada. Il Medio oriente nella sua essenza più pura, mentre il sole inizia a scomparire dietro alle nuvole pian piano che saliamo di quota tra le colline, dove l’aria diventa più fresca e l’azzurro del cielo lascia spazio ad una scala di grigi.

 La strada scivola via, mentre il paesaggio si colora di verde e giallo tra le sconfinate colline e il colore tipico della terra del Medio Oriente.

 Tre ore di macchina e finalmente, arriviamo nella città millenaria, Petra. La voglia di tuffarsi nella storia, di rivivere il fascino del tempo, ci porta nel primo pomeriggio, una volta attraversata turism street, al portone d’ingresso di questo sito, patrimonio dell’umanità. Armati di Jordan pass, la carta del turismo giordano che si puo acquistare online (https://www.jordanpass.jo/), con la quale si ha accesso a numerosi siti storici in tutto il paese oltre a coprire il costo del visto una volta giunti all’aeroporto, il passaggio dal mondo moderno all’antichità è immediato e cosi, senza quasi accorgercene, ci ritroviamo a percorrere la strada costruita dai romani piu di 2000 anni fa e ancora perfettamente intatta. Capitale dei Nabatei nell’antichità, la posizione di Petra è all’incrocio di due importanti vie commerciali: una collegava il Mar rosso a Damasco, l’altra il Golfo Persico a Gaza, sulle sponde del mediterraneo. Data la scarsità di piogge nella regione, la peculiarità di Petra risiede nell’ingegno nabateo dei sistemi di irrigazione, assicurando agli abitanti di un tempo una fornitura continua di acqua potabile. Infatti, il complesso sistema di canali e tubazioni ceramiche ben visibili, consenti' alla popolazione la coltivazione e la produzione di alimenti, primi tra tutti l’olio d’oliva; e senza l’implementazione delle suddette tecniche per incanalare, purificare, pressurizzare e immagazzinare l’acqua, Petra non sarebbe potuta esistere. Due giorni possono bastare per una visita approfondita, data la vastità del luogo. La presenza di numerosi trekking e percorsi, comporta una certa pianificazione. Una volta giunti di fronte all’iconico monumento, the Treasury, la strada svolta a destra per continuare sul sentiero principale, prima di giungere all’anfiteatro e imbattersi nella scalinata che porta alle antiche tombe. Dall’alto, la visuale è unica, un enorme città ricavata dalla roccia, tra monumenti e i coloratissimi  lineamenti rocciosi.

Il sole inizia a colorarsi di arancio, mentre ci avventuriamo in una ripida scalinata che porta in cima alla collina, prima di sopraggiungere all’ultimo respiro di fronte al monumentale monastero (al-Deir) per goderci il tramonto dall’alto. Il vento soffia forte mentre la temperatura inizia a scendere rapidamente nel giro di pochi minuti. Ci affrettiamo a tornare in completa solitudine, rendendo il ritorno ancor più suggestivo, avvolti  nel silenzio dell’eternità. Le luci di Petra by Night concludono una due giorni a dir poco sensazionale; una serie di lampade disposte lungo il sentiero che porta al The Treasury, regalano l’ennesima emozionante visione di questo luogo antichissimo; una passeggiata notturna sotto un cielo limpido e stellato prima di raggiunger il cuore della città. Terminato il viaggio nel tempo, torniamo nel presente, fermandoci su Tourism street per la cena, dove una serie di ristorantini a conduzione familiare offrono dei piatti tradizionali, tipici, dal sapore intenso e in linea con la cultura araba.

  Spazi infiniti e montagne rocciose rendono questo luogo spettacolare, diverso dal classico deserto già visto in altre parti. Nuvole di sabbia si sollevano dal suolo portate via dal vento, limitando a tratti la visibilità in alcune zone.

Il giorno successivo ci prepariamo per il cambio di ambientazione. Ibrahim, la nostra guida, ci da il benvenuto a bordo del suo pick up, ideale per l’avventura off road nel sud del paese, nello splendido scenario del deserto di Wadi Rum. Un’ora di macchina da Petra, immersi ancora una volta nella quotidianità del medio oriente, prima di abbandonare la strada asfaltata ed entrare nel cuore del deserto. Spazi infiniti e montagne rocciose rendono questo luogo spettacolare, diverso dal classico deserto già visto in altre parti. Nuvole di sabbia si sollevano dal suolo portate via dal vento, limitando a tratti la visibilità in alcune zone. Cammelli selvaggi popolano questa vasta area in cerca di qualcosa da mangiare. Ci addentriamo nelle zone più remote del deserto prima di dirigerci alla ricerca di uno spot dove accamparci per la notte. Tre persone insieme ai loro cammelli, si avvicinano incuriositi verso di noi; nessuna lingua in comune, solo il linguaggio del corpo e sorrisi sparsi ci permettono di interagire con loro; Capiamo che sono gente del deserto, nomadi che si spostano qua e la con tutto ciò che posseggono, cammelli, capre e il loro spirito di sopravvivenza; sono i custodi di questa angolo di terra e si dimostrano molto amichevoli: dai loro sorrisi capisco che è stato bello incontrarci nella loro “dimora”. Il sole lascia spazio alle stelle e decidiamo di fermarci in uno spot unico e isolato, perfetto per l’accampamento notturno; una tenda nel bel mezzo del nulla, circondata dalle alte montagne a protezione del vento e della temperatura in rapido declino. Passiamo la serata a chiacchierare con Ibrahim, degustando un ottimo pollo con del riso appena cotto, il bicchiere di thè caldo sempre pieno e il fuoco a riscaldarci l’anima. La curiosità spinge avanti i nostri discorsi, uno scambio di argomenti interculturali, senza mai smettere di imparare, conoscere ed apprezzare le diverse tradizioni e abitudini di ogni angolo di mondo. Il fuoco continua ad ardere sotto un cielo pieno di stelle mentre intorno, il silenzio, è sublime. Chiudiamo la zip della tenda e… Buonanotte.

Ci risvegliamo all’alba, la colazione a base di hummus e formaggio fresco ricarica le nostre energie e dopo un breve off road a tagliare il deserto, siamo di nuovo sull’asfalto, in direzione nord, nell’area più bassa di tutto il pianeta: Il Mar Morto. Da Petra proseguiamo per Little Petra, in direzione di Wadi Araba; La stradina che porta verso il confine con Israele è uno spettacolo puro tra le rocce con sali e scendi mozzafiato; La temperatura aumenta velocemente e in meno di 3 ore passiamo dagli zero gradi della notte precedente ai +24 del mar morto. Una lunga distesa blu appare sulla nostra sinistra, con gli argini notevolmente imbiancati di sale, a conferma del ritiro e del prosciugamento di questo mare ultra salato. Difatti, nessun organismo vivente è presente nelle acque ed è espressamente consigliato evitare di immergersi subito dopo una rasatura o se si hanno ferite sul corpo; l’impatto con l’acqua salatissima provocherebbe un’ustione. Dopo queste poche ma essenziali precauzioni, tuffarsi nel mar morto è un’esperienza sensazionale; lasciarsi dondolare dalla corrente, senza il minimo sforzo per nuotare, rimanendo a galla a braccia e gambe incrociate, senza alcun rischio di annegare o sprofondare nel blu. I fanghi che si trovano in questa zona fanno il resto e i benefici sulla pelle si possono vedere già dopo 15 minuti dalla loro applicazione. Pelle liscissima e ringiovanita.. o quasi.

L’avventura in Giordania giunge cosi al termine, dopo un’ora di macchina dal mar morto, il giorno successivo siamo nuovamente all’aeroporto internazionale di Amman, consegniamo la macchina e il viaggio si conclude con un sorriso pieno di felicità e con un’altra tappa raggiunta sul mappamondo.